........attendi qualche secondo.

#adessonews solo agevolazioni personali e aziendali.

per le ricerche su Google, inserisci prima delle parole di ricerca:

#adessonews

Siamo operativi in tutta Italia

 

Gli Offspring hanno pubblicato la natalizia Bells Will Be Ringing #adessonewsitalia

La band californiana è tornata con un’altra cover natalizia, a due anni dalla reinterpretazione di Christmas (Baby Please Come Home) di Darlene Love. Anche stavolta la canzone scelta parla di un auspicato ritorno a casa per le feste e conferma la passione degli autori di Why Don’t You Get A Job per il clima natalizio

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo

 

È strano immaginare degli alfieri del pop punk californiano cantare canzoni di Natale. Eppure gli Offspring da Graden Grove sembrerebbero proprio avere una predilezione per la festa più celebre e soprattutto per il suo sottofondo musicale. A due anni dalla cover di Christmas (Baby Please Come Home) Dexter Holland e soci tornano a riprendere classici moderni del canzoniere natalizio, interpretando una loro versione di Bells Will Be Ringing (Please Come Home For Christmas) di Charles Brown.

Pretty Fly (For a White Snow)

vedi anche

The Offspring, dopo nove anni arriva l’album “Let The Bad Times Roll”

Sono stati gli stessi Offspring a evidenziare la similitudine tra i due brani, entrambi incentrati su un auspicato ritorno a casa per le feste. Se però la precedente cover del pezzo del 1963 era decisamente più “energica” nelle sonorità stavolta la band è rimasta maggiormente fedele al materiale originale. “Abbiamo sempre amato la classica versione di Charles Brown di questa canzone e pensiamo che sia davvero sottovalutata”, hanno fatto sapere i membri del gruppo sui social facendo venire il sospetto che la scelta di evitare stravolgimenti fosse dovuta proprio all’amore per questo classico degli anni Sessanta. Quando Brown incise il brano (meglio conosciuto solo come Please Come Home For Christmas) non si trovava in una situazione facile: era il 1960 e la sua passione per il gioco ne aveva fiaccato le finanze. Nel 1960, i fasti dei due decenni precedenti sembravano lontani e il pianista e bluesman texano viveva a Cincinnati, provando a pescare un jolly in grado di annullare i debiti nati dal vizio di scommettere sui cavalli. Stando allo storico della musica Brian Powers, Please Come Home For Christmas nacque come mossa disperata, nella speranza che una hit natalizia fosse in grado di replicare il successo di quella Merry Christmas Baby che nel 1947 aveva garantito al cantante notorietà e introiti. Il successo fu istantaneo e Please Come Home For Christmas divenne un brano simbolo delle festività, arrivando anche all’orecchio di future rockstar.

Dove osano le aquile

approfondimento

La playlist dei migliori video di SkyTg24 a tema musica

Gli Offspring non sono i primi a riproporre questo brano regalandogli sfumature un po’ più rock. La versione più famosa di Please Come Home For Christmas è infatti con tutta probabilità quella firmata dagli Eagles nel 1978. La band di Hotel California si trovò, esattamente come i colleghi di oggi, a registrare una cover natalizia in un contesto ambientale e climatico che non aiutava esattamente a entrare nello spirito della festa. Gli Eagles in quel periodo si trovavano infatti in un motel convertito in studio a Coconut Grove, Florida: “Faceva un caldo da morire. Il clima perfetto per un disco di Natale.”, avrebbe in seguito ricordato ironicamente Glenn Frey. L’idea di proporre una propria versione del pezzo di Charles Brown nacque per necessità, visto che i lavori per il seguito di Hotel California (The Long Run) procedevano a rilento e serviva qualcosa in grado di placare l’ansia dei discografici. A proporre la cover natalizia fu Don Henley che aveva ascoltato spessissimo Please Come Home For Christmas da bambino, quando il pezzo era un must nelle scalette delle radio del Texas orientale. Come la versione degli Offspring, anche quella degli Eagles era molto fedele all’originale se non addirittura di più. Venne registrata in poche ore  e senza troppo pensare ad eventuali cambiamenti, proprio mentre paradossalmente il disco “ufficiale” nasceva con un ritardo sulla tabella di marcia di sei-otto mesi. Il successo di questa operazione un po’ improvvisata fu comunque straordinario, tanto da spingere negli anni altri a proporre una propria versione. Gli Offspring sono solo l’ultima di una lunga lista di band che si sono cimentate con il brano: una sequela di nomi anche altisonanti come Jon Bon Jovi hanno interpretato negli anni le parole di Please Come Home For Christmas, dando la sensazione che la strada per tornare a casa a Natale sia ormai abbastanza trafficata.

Musica

Spotify, top 10 canzoni di Natale più ascoltate in Italia e nel Mondo

Come ogni anno irrompono in classifica le canzoni di Natale. Tra evergreen e brani che stagione dopo stagione stanno conquistando la propria nicchia, scopriamo quali sono le canzoni di Natale più ascoltate in Italia e nel mondo. Tante conferme ma anche alcune novità davvero interessanti

Dominatrice incontrastata è Mariah Carey. All I want for Christmas is you conquista la vetta della classifica delle canzoni di Natale più ascoltate su Spotify in Italia e nel mondo. Quest’anno il grande classico ha anche raggiunto la prima posizione dei singoli più venduti/ascoltati negli Stati Uniti stabilendo un record assoluto come unica canzone a raggiungere la vetta della classifica in tre decenni diversi. Uscita nel 1994, ha permesso a Mariah Carey di conquistare anche la certificazione di diamante per le oltre 10 milioni di copie negli Stati Uniti d’America

Del 1984, Last Christmas degli Wham è un altro grande classico di Natale. È seconda in Italia e nel mondo tra le canzoni di Natale più ascoltate su Spotify. Il successo sembra aumentare anno dopo anno: nel 2019 è stato pubblicato il video ufficiale in formato 4k e a gennaio 2021 la canzone ha conquistato per la prima volta la vetta della classifica britannica. Nella cultura di massa Last Christmas è talmente rilevante da aver creato Whamageddon, un gioco nato sui social media in cui vince chi riesce a non ascoltare la canzone dall’1 al 24 dicembre

Altra presenza fissa di Natale è Michael Bublè. Nel 2011 è stato pubblicato l’album “Christmas” che ogni anno torna in classifica ed è tra i più venduti durante le festività. La prima traccia del disco è “It’s Beginning to Look a Lot like Christmas”, scritta dal compositore statunitense Robert Meredith Willson e cantata da numerosi artisti, è al terzo posto della classifica delle canzoni di Natale più ascoltate in Italia e nel mondo. In Italia Michael Bublè è presente anche con “Santa Claus Is Coming to Town” che occupa la nona posizione.

TAG:

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

“https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/2022/11/15/offspring-bells-will-be-ringing”

Pubblichiamo solo i migliori articoli della rete. Clicca qui per visitare il sito di provenienza. SITE: the best of the best ⭐⭐⭐⭐⭐

Clicca qui per collegarti al sito e articolo dell’autore

La rete Adessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo. Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

#adessonews

#adessonews

#adessonews

 

Richiedi info
1
Richiedi informazioni
Ciao Posso aiutarti?
Per qualsiasi informazione:
Inserisci il tuo nominativo e una descrizione sintetica dell'agevolazione o finanziamento richiesto.
Riceverai in tempi celeri una risposta.